giuria

OFF12

Concorso Lungometraggi, Opere Prime e Seconde Italiane
Concorso Internazionale Cortometraggi

Galatea Renzi

Presidente

L’Attrice si è diplomata all’Accademia Nazionale Silvio D’amico nel 1988.

Ha lavorato in numerose produzioni di teatri stabili sotto la direzione di Luca Ronconi. Ricoprendo sempre ruoli di protagonista (Mirra, Cordelia, Elettra, Antigone, Clitennestra, Semiramide, Mirandolina), ha collaborato con diversi nomi del teatro Italiano Andriolo, Castri, Lievi, Andò, Carriglio, Terzopoulos, Papas, Patera, Ghini, Salvo ed altri.
Al cinema esordisce nel 1993 in Fiorile dei fratelli Taviani e poi molti altri titoli di vari generi tra cui: Va dove ti porta il cuore, Caterina va in città, La vita che vorrei, Pontormo, Il pranzo della domenica, Appassionate, Tre metri sopra il cielo, Un viaggio chiamato amore, Mine- haha, Agua e sal, Come le formiche, Copperman.

Nel 2012, gira con Paolo Sorrentino La grande bellezza (premio Oscar 2014), e riceve il premio Eleonora Duse per la carriera teatrale. Per Netflix è trai i protagonisti della serie Baby. Attualmente sta lavoro al monologo In nome della madre, testo di Erri de Luca diretto da Gianluca Barbadori e Lezione da Sarah con la regia di Ferdinando Ceriani.

Daniele Pecci

Giurato

Debutta nel 1990 in teatro, dove lavora come attore e regista. Tanti sono gli spettacoli dei primi anni, fra i quali i fortunati Questa sera si recita a soggetto e Sei personaggi in cerca d’autore, di Pirandello, Cyrano de Bergerac, di Rostand sotto la guida di Patroni Griffi, ed Enrico IV, di Pirandello per la regia di Guicciardini. Nel 2002 comincia l’avventura televisiva con Il bello delle donne, al fianco delle grandi attrici italiane V. Lisi, S. Sandrelli, G. De Sio, ma il successo personale arriva con lo sceneggiato di Rai 1 Orgoglio, al fianco di E. S. Ricci, con 12 milioni di telespettatori e oltre il 40% dì share.

Seguono numerose serie italiane e internazionali che lo vedono protagonista al fianco di star del calibro di Omar Shariff e John Voight, (tra cui San Pietro, Giovanni Paolo II, Eravamo solo mille, L’ultimo padrino, Crimini Bianchi, Sposami!, I misteri di Laura, Come fai sbagli, I Medici, solo per citarne alcune) Il cinema arriva con Fortapàsc di M. Risi, Mine vaganti di Ferzan Ozpetek, Manuale d’amore di Veronesi al fianco di Robert De Niro, con The tourist di F.H. Von
Donnersmark con A. Jolie e Johnny Depp e Maternity Blues di F. Cattani e con Io sono Babbo Natale di E. Falcone, in uscita a dicembre 2020.

Divide la sua carriera tra cinema, televisione ma soprattutto teatro, dove negli ultimi dodici anni è protagonista di Scene da un matrimonio di Bergman, degli shakespeariani Pericle principe di Tiro, As you like it, di ben due edizioni dell’Amleto, di Enrico V, di un Edipo Re di Sofocle al teatro greco di Siracusa che fa registrare il record di incassi, di Medea di Euripide per la regia di G. Lavia, di un Fu Mattia Pascal record di incassi al teatro Quirino di Roma, di cui cura anche l’adattamento dall’omonimo romanzo. Attualmente interpreta Stanley Kowalsky nel Tram che si chiama desiderio di T. Williams per la regia di P.L. Pizzi, che gli è valso il premio Flaiano 2020 come miglior interprete teatrale maschile.

Andrea Carpenzano

Giurato

Nato a Lugo, in provincia di Ravenna, cresce e studia a Roma.

Si avvicina alla recitazione per caso, accompagnando nel 2015 un’amica alle audizioni per un ruolo secondario nel film Tutto quello che vuoi e venendo poi scelto dal regista Francesco Bruni come protagonista della pellicola, in cui recita al fianco di Giuliano Montaldo.
Per la sua interpretazione, riceve il premio come miglior attore rivelazione al Bari International Film Festival, il premio Vittorio De Sica e una menzione speciale al premio Biraghi ai Nastri d’argento 2017. Sempre nello stesso anno, prende parte al film Il permesso – 48 ore fuori di Claudio Amendola.

Nel 2018 recita nella serie televisiva di Canale 5 Immaturi – La serie. Lo stesso anno è protagonista assieme a Matteo Olivetti del film La terra dell’abbastanza dei fratelli D’Innocenzo, che gli vale il plauso da parte della critica italiana e internazionale. L’anno seguente è protagonista della pellicola sportiva Il campione, con Stefano Accorsi.
Sarà presente alla 77esima mostra del cinema di Venezia con il film Guida Romantica a posti perduti di Giorgia Farina, di cui è protagonista con Jasmine Trinca e Clive Owen. Il film sarà presentato come evento speciale alle giornate degli autori.

 Concorso Internazionale Documentari

Pierfrancesco Li Donni

Giurato

Presidente – Tutor CSC Sicilia

Laureato in storia contemporanea e ha studiato editing alla Cineteca di Bologna. 

Nel 2012 esordisce alla regia con il film documentario Il Secondo Tempo. Loro di Napoli é il suo secondo documentario, vincitore del miglior film italiano al Festival dei Popoli, del premio Télérama per il miglior film internazionale al Fipa di Biarritz e del Docs MX di Città del Messico. Nel 2016 realizza il documentario TV Prima cosa buongiorno andato in onda su TV2000. Nel 2017, ha vinto la prima edizione del Premio Zavattini con il film a base parziale di archivio Massimino. Nel 2020 La nostra strada è il miglior film italiano al 16° edizione del Biografilm. E’ tutor didattico di regia al Centro Sperimentale di Cinematografia Sede Sicilia.

Giurati:  Allievi CSC, Scuola Nazionale di Cinema, Sede Sicilia